148 Messaggi in 124 Discussioni- da 3 utenti - Ultimo utente: neandro

Pagine: [1]
  Stampa  
Autore Discussione: Cyberpunk V3  (Letto 3356 volte)
0 utenti e 1 Utente non registrato stanno visualizzando questa discussione.
K-Sens
Amministratore
Utente normale
*****
Scollegato Scollegato

Messaggi: 146



« inserita:: 27 Luglio 2010, 17:02:19 »


I runner ritornano sui tavoli da gioco
Nuova edizione per un classico dei Giochi di Ruolo fantascientifici.[/font]


Copertina dell'edizione italiana



Sotto un certo punto di vista, i giochi di ruolo sono un po' come i film: si sceglie un genere e poi si valuta il singolo titolo secondo i propri gusti personali.
Abbiamo così il genere "fantasy" (che, per ovvie ragioni, è il più usato), "horror", "fantascienza" e perfino il "comico".
Oggi analizzeremo uno dei generi meno utilizzati, ossia il genere "cyberpunk" e, con esso, il suo più recente esponente: Cyberpunk V3.0.

IL METALLO NON FA DI TE UN CYBORG...
Il tomo, di oltre 270 pagine con copertina morbida, non può certo confrontarsi con gli splendidi volumi della Wizards of the Coast (Dungeons & Dragons) o della White Wolf (Mondo di Tenebra): tutte le pagine, non plastificate, sono in bianco e nero e i disegni non sono di certo lo stato dell'arte. Ciononostante, il modulo offre gli elementi ideali che tutti i GdR dovrebbero avere: una splendida descrizione dell'ambientazione, un capitolo esauriente sul regolamento e uno sulla creazione dei personaggi, più sezioni dedicate all'equipaggiamento a disposizione (cibernetico e non) e perfino delle regole per i giocatori alle prime armi.

LA STORIA DEL FUTURO
Essendo nato negli anni 80, Cyberpunk 2020 appariva abbastanza futuristico ma, ovviamente, alle soglie del 2010 l'anno dell'ambientazione originale doveva venire spostato. Cyberpunk V3.0 è ambientato ben 10 anni dopo e tutto il primo capitolo descrive dettagliatamente questi dieci anni aggiuntivi. L'evento più significativo è sicuramente il crollo della rete informatica mondiale: nel 2030 esistono unicamente sistemi intranet. Questo ha portato alla perdita di una cultura mondiale e, di conseguenza, sono nate, nel corso degli anni, miriadi di "AltCult", ossia credenze e filosofie adottate da milioni di persone. Una quarta guerra corporativa ha portato il mondo sulla soglia del disastro, grazie all'uso di armi nucleari da parte di dirigenti privi di scrupoli e buon senso. In altre parole, il nuovo mondo, la nuova ambientazione di Cyberpunk V3.0 è un mondo post-apocalittico dove le persione, invece di aver perso la tecnologia e gli agi da essa derivati, ha dimenticato il significato della parola "umanità".




IL MOTORE (CIBERNETICO) SOTTO LA PELLE
Le AltCult non sono solo concetti e credenze: differenti modi di concepire ciò che esiste hanno portato a differenti modi di vivere e, così, la scelta di una AltCult corrisponde, tecnicamente parlando, alla scelta di una "razza". Si va così dagli Edgerunner, gli eredi del vecchio stile cyberpunk, fino ai Reef (per fare un esempio), che sono persone che hanno mutato la fisiologia del proprio corpo per poter vivere nelle profondità del mare. Esistono sei diverse AltCult, tra le quali scegliere, che sapranno accogliere anche le richieste dei giocatori più esigenti o fantasiosi.
Non esiste più il concetto di professione: le capacità di una persona non sono definite dalla professione che esercita, ma è la professione che esercita a essere scelta dalla persona in base alle sue capacità. Una volta che il giocatore ha scelto "chi" sarà il proprio personaggio (ossia a quale AltCult appartiene e cosa sarà in grado di fare), potrà passare ai "numeri": dieci caratteristiche principali (dalle quali verranno poi calcolate altre dieci "caratteristiche derivate") e poco meno di cento abilità saranno a disposizione per l'assegnazione dei punti di creazione del personaggio che, nella migliore tradizione dei GdR odierni, potranno essere fissi (per gruppi omogenei) o decisi da tiri di dado (per personaggi che possono essere baciati o bastonati dalla fortuna).
Sempre a proposito delle AltCult, queste offrono accesso a differenti tipi di tecnologie. Ma come fanno a impedire che le proprie tecnologie vengano rubate dalle altre AltCult? La risposta è una parola sola: "Giri". Questa parola (di origine giapponese, che si pronuncia quindi "ghiri") indica una valuta diversa dal comune denaro, differente per ogni AltCult e che non viene accettata dalle fazioni avversarie. Quindi, se ottenete dei Giri presso l'AltCult di Riptide, non potrete spenderli nell'AltCult Corpore Metal (no, non sono un gruppo di cyborg che oscilla le proprie chiome sintetiche al ritmo di canzoni Metal...). Questo sistema di pagamento alternativo offre incredibili spunti narrativi, dato che si tratta di una moneta "d'onore": in altre parole, i Giri sono pagamenti di prestigio che vengono rilasciati per le azioni compiute, da chi ha Giri da spendere a chi ha agito per ottenerli. Non si possono rubare (la tecnologia del 2050 lega i Giri al DNA del proprietario, quindi anche uccidendolo, non si otterrà alcun beneficio, se non prendendo il denaro comune e l'equipaggiamento non impiantato nel suo corpo).
Per offrire al personaggio un background, ossia una storia, e quindi un supporto narrativo e tecnico sul suo status e possedimenti, ci sono poi i "talenti" (sensi acuti, ambidestria, empatia animale, buon senso...) e i "tratti" (autorità, contatti, credibilità, famiglia...), che definiranno capacità particolari e possibilità sociali che vanno oltre quello che le semplici abilità possono offrire.



DOTAZIONI CYBER... E NON
Si passa quindi all'equipaggiamento, nel quale le armi fanno sicuramente la parte del leone, insieme agli impianti cibernetici... e qui è d'obbligo spendere un altro po' d'inchiostro. La tecnologia non è affatto calata, anzi: paragonata a quella di Cyberpunk V3.0, la tecnologia "futuristica" del 2020 è roba preistorica! I cosiddetti "impianti" possono modificare la struttura fisica di una persona attraverso la manipolazione del DNA o la distruzione e ricostruzione fisica del corpo mediante naniti! Mentre nel 2020 innestare un impianto voleva dire farsi operare in un ospedale specializzato e rimanere convalescenti per giorni o settimane, gli impianti del 2030 si "innestano" in pochi istanti, grazie a moduli che, attivati su un corpo, ne mappano il DNA in un batter d'occhio, si adattano al corpo e lo modificano in un periodo di tempo che può variare da una manciata di minuti a qualche giorno (come nel caso delle mutazioni genetiche dell'intero corpo umano che debba mutare in una forma acquatica) senza bisogno di alcuna convalescenza. I problemi di "cyber psicosi" che affliggevano chi innestava nel corpo troppi impianti cibernetici sono solo un brutto ricordo del passato. I nuovi cowboy delle reti informatiche del 2030 possono ora accedere e hackerare un sistema senza dover immergere in Internet la propria coscienza: questo significa quindi evitare il rischio di venire "fritti" da programmi difensivi? Spiacenti, ma le software house del 2030 non si sono lasciate travolgere dai progressi dei pirati informatici e, sfruttando gli incredibili ritrovamenti scientifici (specialmente la nano-tecnologia) hanno creato programmi difensivi in grado di attaccare un intruso nel mondo fisico, grazie al supporto di naniti che creeranno nel mondo reale le mostruose fattezze che un tempo questi programmi potevano mostrare solo dentro la rete!

SERVOMECCANISMI E MUSCOLI IDRAULICI ALL'OPERA
Cyberpunk V3.0 è un gioco violento e questo significa, ovviamente, che si combatterà spesso. Ma, oltre a "violento", esiste un altro aggettivo che, più propriamente, definisce questo GdR: "cattivo". Il sistema di combattimento, che trova la sua massima espressione negli scontri con le armi da fuoco, difficilmente permetterà a uno scontro di protrarsi per più di un minuto di gioco (considerando che ogni round dura circa tre secondi) e, detto tra noi, se sparate per 30 secondi a un bersaglio e quello è ancora capace di rispondere, fareste bene a portare il vostro sedere cibernetico altrove!
Rispetto al vecchio sistema, non è cambiato quasi nulla: in un check qualunque, si deve tirare 1d10, sommare la caratteristica e l'abilità adatte e fare più della soglia di difficoltà. Ora l'arbitro di gioco può decidere di cambiare la caratteristica da utilizzare a seconda delle circostanze (mentre prima ogni abilità era correlata a una caratteristica specifica), i punti ferita dei personaggi non sono più uguali per tutti ma cambiano a seconda delle caratteristiche del personaggio e il sistema di locazione degli impatti di ogni attacco è stato semplificato per garantire combattimenti meno macchinosi.
Forse la più evidente e importante differenza rispetto al vecchio sistema, nelle regole di combattimento, è il fatto che il bersaglio di un colpo d'arma da fuoco possiede ora la possibilità di schivare un proiettile sommando a 1d10 la caratteristica di destrezza e l'abilità di schivata: se questa somma è superiore al tiro d'attacco, il colpo andrà a vuoto. Nel vecchio sistema, chi sparava doveva semplicemente superare una soglia di difficoltà, che veniva modificata solo dalla distanza del bersaglio in relazione alla gittata dell'arma (rapporto che ora offre comunque un malus da applicare al tiro d'attacco).
I personaggi adesso dispongono di punteggi indipendenti di punti ferita (per i danni "letali") e punti stordimento (per gli attacchi non letali, come quelli a mani nude) e, abbandonato il vecchio sistema secondo il quale un personaggio doveva effettuare dei check per svenimento e morte ogni volta che un proiettile che gli entrava in corpo, è stato ideato un regolamento più semplice, che richiede dei tiri per non morire solo nel caso in cui un personaggio arrivi a zero punti ferita o meno (se scende a zero punti stordimento, sviene semplicemente). Anche il sistema di combattimento in rete è stato enormemente semplificato e questo farà certamente tirare un sospiro di sollievo ai giocatori che hanno sempre amato i "netrunner", ma che non li hanno potuti utilizzare in Cyberpunk 2020, soprattutto per via del fatto che un solo round in rete equivaleva a ben dieci round nel mondo fisico (detto in parole povere, quando il netrunner iniziava a giocare, tutti i "non netrunner" smettevano...). Insomma, Cyberpunk V3.0 è un sistema che non ha perso quasi nulla, del vecchio, si è impegnato per migliorare ciò che ha tenuto, ha aggiunto tanto di più e ha reso una partita più semplice e godibile.

di Massimiliano Braile - 19/5/2009

http://deck.videogame.it/cyberpunk-v30/77137/
« Ultima modifica: 10 Ottobre 2011, 12:14:40 da K-Sens » Registrato
SensaSenso
« inserita:: 27 Luglio 2010, 17:02:19 »

 Registrato
Pagine: [1]
  Stampa  

 
Vai a: